Aldo Carotenuto, Il pensiero di Jung



[…] D’altra parte nella sua tipologia Jung si era accorto che gli esseri umani possono comportarsi secondo due fondamentali tendenze.
Una di queste tendenze è quella di essere attratti dal mondo esterno. Si vive perchè c’è un mondo di relazioni, un mondo di cose e allora la tendenza verso l esterno è denominata da Jung estroversione. Per cui, molti di noi la maggioranza del tempo la passano nella vita di relazioni, di amicizie. E’ il mondo esterno che conta. Conta avere una bella macchina, conta avere dei buoni amici. conta anche il successo nel lavoro e sono naturalmente cose importanti perchè fanno parte della nostra esperienza.
Ma ci sono tipologie molto diverse.
Tutti noi conosciamo delle persone molto riservate, che stanno sempre per conto loro. Ad una festa da ballo preferiscono un concerto e sono quelle persone che Jung chiamerà introverse.
La persona introversa in un certo senso può fare a meno delle cose esterne, perchè è nutrita da una dimensione interna, cioè, c è un flusso interno di immagini che lo appaga.
Non ha bisogno di guardare una partita di calcio. Per l’introverso è più importante ascoltare il mondo della poesia o fare passeggiate solitarie.
Questo perchè c’è un’interiorità che grida, urla, si fa sentire e quindi ha bisogno in un certo senso di un colloquio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...