Arthur Schopenhauer

“Anche qui la vita non si presenta affatto come un dono da godere, bensì come un compito, un pensum da portare a compimento, e corrispondentemente vediamo, nel grande come nel piccolo, generale miseria, fatica incessante, costante tribolazione, lotta senza fine, attività forzata, con estrema tensione di tutte le energie fisiche e spirituali. Molti milioni di uomini, riuniti in popoli, si affannano per il bene comune, ciascuno per amore del proprio; ma molte migliaia cadono vittime di esso. Ora un’illusione assurda, ora una politica arzigogolante, li istiga a farsi reciprocamente guerra: allora devono scorrere sudore e sangue della gran massa, per imporre le idee di certuni o per scontarne gli errori.”

Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, Vol. II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...