Venere de’ Medici

La Venere de’ Medici fu scolpita a cavallo tra il II sec a.C. e il I sec a.C. da Kleomenes, figlio di Apollodoros.

Marmo pario, variante Lychnite, altezza, 153 cm

Tribuna degli Uffizi, Firenze

La statua fu ritrovata a Roma alle terme di Traiano. Sulla base è leggibile la firma dell’autore, kleomenes uno scultore attivo ad Atene. Nel 1566 la scultura fu acquistata da Alfonso d’Este che nel 1575 la cedette a Ferdinando de’ Medici, il quale la tenne a Roma a Villa Medici fino al 1677, anno in cui fu trasferita a Firenze. Nel 1802 Napoleone la fece trasportare a Parigi, dove vi rimase fino al 1816, quando la statua tornò definitivamente agli Uffizi di Firenze.